Menu

Recensioni

Martha Wainwright – Come Home To Mama

2012 - Cooperative Music
folk/pop/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. I Am Sorry
2. Can You Believe It?
3. Radio Star
4. Proserpina
5. Leave Behind
6. Four Black Sheep
7. Some People
8. I Wanna Make An Arrest
9. All Your Clothes
10. Everything Wrong

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Martha Wainwright è la sorella minore del più noto Rufus, nonchè figlia dei cantautori Loudon Wainwright III e Kate McGarrigle. Una famiglia nella quale la musica è davvero parte del codice genetico, declinata dalla sua più giovane componente in chiave folk-pop. “Come Home To Mama” è il quarto album di questo percorso solista (contando anche il live “Sans Fusils, Ni Souliers, à Paris”, personale tributo a Edith Piaf), e vede la prosecuzione di un discorso artistico nato dal naturale connubio fra chitarra acustica e voce (per altro cristallina e potente, proprio come il fratello), opportunamente ampliato da arrangiamenti tastieristici, orchestrali e synth.

Il risultato è un gradevole concentrato di melodie semplici e catchy, dalle atmosfere in massima parte solari e serene, sebbene mai banali e stucchevoli. Un’artista di classe, insomma, capace anche di riprendere e interpretare al meglio una composizione scritta dalla madre defunta (“Proserpina”), e di sceglierla come primo singolo. Operazione non scontata, vista la particolare inclinazione del brano in questione, ma che svela il vero cardine concettuale dell’intero album, ovvero il rapporto tra madre e figlia, nella misura in cui le figure mitologiche di Proserpina e di sua madre Cerere, tessono un sicuro parallelismo con Martha Wainwright e Kate McGarrigle, di cui il titolo “Come Home To Mama” è quindi logico corollario.
L’album (registrato negli studi newyorkesi di Sean Lennon), non si limita però a questa dedica famigliare, ma sa intrattenere e divertire con brani ritmati e accattivanti come “Can You Believe It?”, “Four Black Sheep” e “All Your Clothes”, nei quali si sente chiaramente l’influenza rock del chitarrista dei Wilco Nels Cline e del batterista Jim White (Dirty Three).

“Come Home To Mama”
è quindi un bel lavoro di sincero folk/rock in eleganti abiti pop, bilanciato nei toni e personale nella sostanza, che fa segnare un bel centro nella carriera della Wainwright.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=0CfwGwhcycI[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close