Menu

Recensioni

Geoff Farina – The Wishes Of The Dead

2012 - Damnably
guitar-folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Prick Up Your Ears
2.Prelapsarian
3.Hammer And Spade
4.Scotch Snaps
5.Twilit
6.Evergreen
7.Stems
8.Make The Show
9.The Dove And The Lamb
10.Semantics

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Torna in carreggiata Geoff Farina e il suo guitar-blues-folk con l’album Wishes Of The Dead. A distanza di dodici anni da Reverse Eclipse e di due dalla collaborazione con Chris Brokaw, l’ex membro dei Karate e dei The Secret Stars, è ancora in grande forma.

Il Maine è un piccolo stato montuoso degli Stati Uniti, che si trova nell’estremo nord-est. Una piccola città di questo stato è diventata da poco la nuova casa di Geoff Farina, il quale ha dedicato Wishes Of The Dead alla sua nuova vita. Rispetto a Reverse Eclipse, abbiamo di fronte un album di più difficile interpretazione ma che nasconde un gran potenziale. C’e’ una chiave di lettura per ascoltarlo in modo corretto e non considerarlo un piattume totale. Bisogna immaginare le dieci tracce come fotografie del nuovo mondo in cui è stato catapultato Farina: lento, tranquillo e con un tocco di grigio. Scavando oltre, si può trovare tutto una dimensionalità articolata e inaspettata fatta di cicli lunari, fauna e flora e di piccoli focolai di civiltà, con tante storie dal sapore antico. È questa la provincia di Wishes Of The Dead, un posto che va vissuto, capito e accettato ma che può risultare “ostico” per chi vive nella frenesia della grande città dove tutto è luminoso ma privo d’anima, dove si preferiscono gli EP ai più lunghi LP, perché non c’e’ tempo per ascoltare altro. Ed è questa la magia e la bellezza del disco, un continuo bilico tra anacronismo e lezioni di vita.
Musicalmente, il guitar-folk con venature blues è un marchio di fabbrica inconfondibile dell’autore che ormai abbiamo imparato a conoscere. Mancano forse delle potenti hit, ma anche questo non deve essere preso come una critica giacché tutti i brani hanno un livello medio-alto senza troppi picchi di volo o di caduta. Canzoni con piedi nella terra che raccontano un mondo reale tramite i sussurri di Prick Up Your Ears o la freschezza di Hammer And Spade, e che contribuiscono a confezionare un prodotto di gran classe.

Geoff Farina realizza un album che va capito e vissuto e si proietta lontano dalle semplici intuizioni di molti suoi contemporanei. Da ciò un disco di pregiata fattura che serve come lezione di vita per riappropriarsi dei propri spazi e del proprio tempo perso.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=sou78GiLezI[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close