Menu

Recensioni

Campetty – La Raccolta Dei Singoli

2013 - Orso Polare Dischi
pop/indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. (L’Intro)
2. Cowboy Blues
3. Nuoto Dorsale
4. The Muffa Forest
5. Lungofiume
6. Mariposa Gru
7. Tenda Prodigy
8. Brasilia
9. Il Parco dei Principi
10. Vittoria
11. A Nastro
12. (L’Outro)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I fratelli Campetti hanno un passato niente male: suonavano negli Edwood, poi si sono convertiti ai testi in italiano con gli Intercity e ora proseguono su questa via con i Campetty (cavalcando la tendenza odierna ad auto consacrarsi col proprio nome in copertina). A dirla tutta hanno anche un talento niente male, che si sono trascinati dietro da un’esperienza all’altra e che caratterizza anche quest’ultimo album: da subito ci si accorge che ci sono loro, hanno uno stile ormai talmente ben delineato che, sebbene siano profondamente immersi nel calderone della musica italiana, sono impossibili da confondere.

La premessa è che vi deve piacere la voce di Fabio Campetti, unica e non facile da imitare, che spicca in questo come in tanti dei dischi precedenti. Se non vi piace è inutile continuare, è talmente caratteristica e dominante che vi renderebbe amaro l’ascolto (però potete provare ad ascoltare la traccia Mariposa Gru, che non dovrebbe lasciarvi scontenti). A me piace (e nemmeno poco) e continuo per tutte e dodici le tracce (e ben volentieri).
Sono piacevoli, soavi, morbidi e ammalianti senza però mai perdersi nel miele: Cowboy Blues graffia più degli altri, così come Tenda Prodigy, per fare due esempi. L’Intro e L’Outro sono forse i pezzi più cupi, mentre Vittoria è leggera come la primavera e sofferta come la sua attesa.
La Raccolta dei Singoli è un album particolare ma che si può con sicurezza definire completo sotto ogni punto di vista, con un occhio di riguardo verso i testi a volte alienanti e il suonato sempre pulitissimo: per un esempio lampante provare Nuoto Dorsale, splendido riassunto di un lavoro di pregio.

Non così lontani dagli Intercity ma nemmeno così vicini da ricadere nel già sentito: i cambiamenti di formazione si fanno sentire, nel bene o nel male, e aiutano i Campetti a dare vita ad un album che gli amanti del genere non dimenticheranno per un bel po’.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=CLAL2wDZ4i0[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close