Menu

Recensioni

Bobo Rondelli e l’Orchestrino – A Famous Local Singer

2013 - Ponderosa Music & Art
jazz / blues / rock’n’roll

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Un Bimbo sul Leone
2. Il Cielo è per Tutti
3. Il Palloso
4. La Marmellata
5. Cuba Lacrime
6. 24000 Baci
7. Puccio Sterza
8. Settimo Round
9. Bambina Mia
10. Bobagi’s Blues
11. Prendimi l’Anima
12. Che Fregatura è l’Amor
13. Il Paradiso

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un gran bel suonare quello che fa l’Orchestrino, una gran bella voce quella di Bobo Rondelli.

Un album immerso nei ritmi di tante parti del mondo: si passa dal jazz al blues, dallo swing ai suoni balcanici, dai ritmi afroamericani a quelli delle canzoni nazional popolari. Tutto viene eseguito con una maestria davvero degna di nota sebbene, per puntualizzare, bisogna ammettere che o ad un certo tipo di musica ci si è avvezzi o difficile appassionarsi. Se si fa parte del primo gruppo un album così ce lo si beve tutto d’un fiato, mentre passa dalla malinconia di Settimo Round all’ironia de Il Palloso. Se si è dall’altra parte del fiume, si fa presto a stancarsi: arrivare già a metà dei tredici pezzi potrebbe risultare un lavoro non da tutti.
I testi sono a volte geniali, nella loro concezione “locale” che il titolo del disco sembra suggerire, come la storia strappalacrime di Cuba Lacrime, che parla di romagna e balere. “Quando me la dai” è il ritornello, per farci un’idea, sebbene il clima non sia poi così scherzoso. Dall’altra parte ci sono pezzi con testi che sembrano essere fonte di grande ispirazione, ma che portano forse a conclusioni troppo scontate. Il Cielo è per Tutti pone, fondamentalmente, una domanda: “perché il cielo è uno solo e la terra è tutta a pezzetti”, poetica, all’inizio, ma quando ci si ripensa la risposta risulta banale, senza che ci sia in realtà dato uno spunto di riflessione così profondo.
Un grande lavoro comunque, nell’esecuzione pratica; andando al di là delle preferenze e dei gusti personali, Bobo Rondelli e l’Orchestrino hanno inciso un disco di pregio, che varrebbe la pena di ascoltare, anche solo per farsi un’idea di quanta qualità musicale ci può essere in generi a noi a volte non congeniali.

Per farsi un’idea? 24000 Baci, cover di Celentano. Avendo presente l’originale e paragonandola con la nuova interpretazione, non ci vorrà molto a capire che qui c’è qualcuno che di musica se ne intende.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=IDvSQLHnLNE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close