Menu

Recensioni

Polly Scattergood – Arrows

2013 - Mute
pop/electro

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Cocoon
2. Falling
3. Machines
4. Disco Damaged Kid
5. Colours Colliding
6. Miss You
7. Subsequenty Lost
8. Silver Lining
9. Wanderlust
10. I've Got Heart

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Dopo l’omonimo album d’esordio del 2009, la cantautrice britannica nata a Colchester, torna a deliziare il palato degli amanti del genere pop-rock vecchio stampo, con il suo nuovo lavoro, “Arrows”.

Dieci tracce incastonate perfettamente l’una con l’altra come in un mosaico dai colori decisamente chiari e splendidamente intensi. La sensualissima voce di Polly trascina la bellissima traccia d’apertura “Cocoon”, la musica cresce e si espande nelle note di ” Falling”, si disperde e torna a cadere nella supremazia del timbro vocale in ” Machines”. Le atmosfere glaciali di una nuova era si fanno più corpose in combinazion9 indie-electro pop in versione soft, dando vita a brani meravigliosi come ” Disco damaged kid”, vibranti e illuminati come ” Colours colliding”. La seconda parte del disco è però quella migliore, grazie all’introduzione di un pianoforte in grado di ricreare le stesse atmosfere in maniera del tutto più profonda e intima. Nella bellezza disperata di “Miss you” troviamo pochi aggettivi da usare, così come in “Subsequently lost”, dove la Scattergood riesce a dare un tocco di Dance al suo personale cielo dipinto. C’è tempo anche per la sequenza distorta essenzialmente più rock di “Silver lining” e per le dimensioni oscure, da ascoltare a ripetizione, di ” Wonderlust”. “I’ve got a heart”, brano di chiusura, potrebbe sembrare la classica ballata immancabile alla fine di un disco del genere, ma la sua fragile perfezione la rendono una delle perle di questo disco, un’infinita serie di sensazioni fredde, disperate, tremanti e racchiuse in un quadro di intimità musicale e artistica commovente.

Arrows è un disco che non fa mancare nulla, l’atmosfera decisamente stagionale lo rendono un disco adatto all’inverno che sta per sopraggiungere. E’ un opera oscura, incredibilmente intensa, eterea e provocante. Una nuova frontiera del pop che conta innumerevoli figli a partire da una casa madre che si chiama Brit School.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=N6B-WK58UUA[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close