Menu

Recensioni

Samiyam – Wish You Were Here

2013 - Leaving Records
rap

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Annoucement
2. Pandas
3. Lunch Meat
4. On A Limb feat. Evidence
5. Dream (Green Feelings)
6. Rice Crackers
7. Forget It
8. Waves
9. Come Thru
10. This L
11. Italy
12. Stuff
13. On A Bad Day
14. Wooden Backhand
15. Snakes On The Moon
16. Hummus feat. The Alchemist

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Non lasciatevi ingannare dalla copertina (probabilmente la peggiore dell’anno, considerando il periodo delle classifiche generali). “Wish You Were Here” suona bene e suona rap puro, grezzo, ancora più radicato.

Meno synth pesanti ma campioni provenienti da polverosi scantinati e collezioni di jazz e soul. A differenza del precedente “Sam Baker” questo lavoro contiene delle tracce reali, Samiyam non si muove nell’unico ruolo di producer ma afferra penna e microfono e lo fa anche bene. Rap quasi colloquiale che strizza l’occhio come forma a mostri sacri del calibro di Madlib. Un album che suona classico, old school con varietà stilistica. Un sound che sa di nostalgia, che manca agli ascoltatori con qualche anno in più. E che ci ricorda quale fine abbia fatto questo fantastico genere musicale che è il rap. “Lunch Meat” è quasi un omaggio al Wu-Tang Clan, “On A Limb” semplicemente fantastica con un Evidence immenso. E’ veramente difficile trovare un beat non all’altezza, sono tutti di livello superiore, curati nei dettagli. Egregia “Italy”.

“Wish You Were Here” è una sorpresa. Probabilmente uno degli album meno pubblicizzati dell’anno e allo stesso tempo osannato da chi è riuscito ad entrarne in possesso. Non siamo più abituati a questo tipo di sonorità e questo disco è un piacere. Album perfetto, ascolto obbligatorio.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ERW4j5_nyvU[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close