Menu

Recensioni

Gouton Rouge – Carne

2014 - V4V Records / S3x Netlabel
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Attratti
2. Immobile
3. Sbiadire
4. Discese
5. Lamette
6. Vicoli
7. Everest
8. Ancora

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“A un certo punto i due sigari ci cadevano ai piedi, nella neve, e allora là sopra si sentiva sussurrare, agitarsi, qualche sospiro più forte. Alzando gli occhi non si vedeva che la vite secca e tante stelline fredde in cielo.”

Cesare Pavese aveva già le parole adatte per descrivere questo disco dei Gouton Rouge. In effetti, potrei anche fermarmi qui e non aggiungere altro. Ma invece vado avanti.
Quello dei Gouton Rouge è un rock aspro e al tempo stesso astratto. Questo gruppo fonde insieme sonorità graffianti e atmosfere rarefatte e condisce il tutto con una voce poliedrica.
“Carne” si tinge di colori diversi, mischiando insieme tinte calde e fredde in netto contrasto tra di loro. Melodie malinconiche, ma rabbiose. Toni nostalgici ma con un barlume di speranza e la voglia impetuosa di spezzare il malcontento dilagante. Rock decorato con attitudini shoegaze e con una voce a tratti morbida, a tratti cattiva ma non troppo. L’elettricità che raggiunge una dimensione ovattata, un tramonto distorto. Cenere nera che sporca il bianco immacolato della neve che ricopre un paesaggio sterile fiocamente illuminato da stelle rincuoranti. “Carne” è un’immagine cupa, triste, che però cela un velo di fiducia o forse quel velo è solo frutto della nostra fantasia.
Una pecca in tutto ciò c’è: è un disco un po’ troppo ripetitivo, forse qualche svolta e qualche cambiamento per rompere l’equilibrio non avrebbe guastato l’insieme. Ma è comunque un buon lavoro, introspettivo al punto giusto, che accosta visioni in disaccordo. Il dualismo tra la “Carne” e ciò che nasconde nel profondo. L’eterno conflitto tra luce e ombra e tra apparenza e sostanza che riguarda noi e tutto quello che ci circonda.

Nel complesso un buon album, nonostante la “staticità”. La “Carne” al fuoco c’è, solo che la fiamma deve essere più forte. Ma si può sempre migliorare.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Bb95QCNxjIU[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close