Menu

Recensioni

L’Ordine Naturale Delle Cose – L’Ordine Naturale Delle Cose EP

2014 - Autoproduzione
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Questa
2. La volta buona
3. Opaca
4. In punta di piedi

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Chi ben comincia è a metà dell’opera, dice il popolare proverbio. Ciò calza a pennello a L’Ordine Naturale delle Cose, che realizzano il loro album d’esordio, L’Ordine Naturale delle Cose – Ep. Un disco autoprodotto carico di contenuti degni di nota.

Il sound cupo, caotico e psichedelico è un bel mix e conferisce al gruppo di Parma una maturità già evidente. L’Ep si compone di quattro tracce: Questa, La volta buona, Opaca, In punta di piedi.
Questa è un brano caleidoscopico, in cui il rock della band svela la sua anima psichedelica e introspettiva, che si riflette anche nel testo. Sul finire si svela un’inedita andatura dark progressive, complice anche una malinconica viola, che si fonde alla perfezione con la chitarra e la batteria.
La volta buona è un brano più nervoso e caotico. Le liriche sono sempre riflessive e meditative e si riflettono nella musica, tra ricordi alternativi e rimembranze ancora una volta psichedeliche. Inoltre alcuni passaggi rimandano alla musica sperimentale anni ’70.
Opaca ha una struggente melodia malinconica. Il testo è intimo e personale, con il ritornello che suggerisce ricordi lontani. La fuga strumentale finale, sempre tra psichedelia e progressive anni ’70, trasporta l’ascoltatore in un viaggio onirico.
In punta di piedi, carico di spleen, analizza a più riprese l’interiorità con una punta d’amarezza. La musica gioca tutto sulle dinamiche e alterna momenti quieti e rilassati, a un ritornello più corposo e aggressivo. Decisamente emozionante il finale, adornato da bellissimi assoli chitarristici, notturni e malinconici.

In tutta onestà possiamo affermare che da sconosciuti del gruppo, L’Ordine Naturale delle Cose ci ha sorpreso e non poco. La bellezza dei testi, unita al virtuosismo del sound, ha dato alla luce un prodotto di notevole valore. A loro va l’augurio di continuare su questa strada.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=6G4YhtiOTc8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close