Menu

AS I LAY DYING, Tim Lambesis ammette la sua finta cristianità

[youtube width=”750″ height=”500″]https://www.youtube.com/watch?v=9WxGfjs0kvc[/youtube]

Per un cantante di un gruppo di christian metal ammettere di non essere un cristiano, al contrario, di essere un ateo convinto, è una dimostrazione di coraggio non indifferente. E’ il caso di Tim Lambesis, cantante del gruppo As i Lay Dying, condannato a 6 anni di prigione per aver pianificato l’omicidio della moglie, Meggan Lambesis, che durante un’intervista ha confessato che quella della fede cristiana ostentata durante gli show era una forzatura che lo faceva stare davvero male: “quando i ragazzini, dopo i concerti, mi chiedevano di andare a pregare con loro rispondevo sempre ‘andate avanti voi‘”. Lambesis non si è limitato alle confessioni personali ma ha tirato in ballo gran parte del mondo del christian metal sostenendo che, così come lui, moltissimi sfruttano la fede come strumento promozionale “di facciata” – “in proporzione, rispetto alle band con le quali siamo andati in tour con gli As i Lay Dying, una su 10 sembrava realmente votata alla cristianità“. Gli As i Lay Dying hanno pubblicato il loro ultimo album, il sesto della serie, “Awakened“, nel 2012 sotto etichetta Metal Balde Records.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!