Menu

Recensioni

Ed Sheeran – X

2014 - Asylum Records
folk/blues

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. One
2. Mess
3. Sing
4. Don’t
5. Nina
6. Photo
7. Bloodstream
8. Tenerife
9. Runaway
10. The Man
11. Thinking Out Loud
12. Afire Love

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Il cantautore dai capelli rossi è tornato con un nuovo disco. E convince anche lì dove ancora non aveva convinto con “+”, l’album precedente. Stavolta Ed Sheeran si trasforma, riuscendo a toccare corde mai toccate prima.

Non che “+” non fosse un buon lavoro. Ma “X” lo è di più. Ed Sheeran qui sperimenta di più, mettendosi in gioco con stili differenti. Spaziando dal pop al rock, dal folk all’R&B, il musicista inglese ha tirato fuori un bel disco, versatile e decisamente piacevole. Mai banale e mai noioso, “X” non riscontra punti deboli, amalgamando bene brani più vivaci con dolci ballate. Dallo scoppiettante primo estratto “Sing”, frizzante, coinvolgente con azzeccati momenti rap nel mezzo, si passa al soul intenso ed introspettivo di “Nina” oppure dalla malinconica ballad “One”, traccia d’apertura del disco eseguita interamente con voce e chitarra, passiamo all’hip hop disteso di “The Man” che arriva dritto al cuore e ci conquista pienamente. O ancora dall’orchestrale “Afire Love”, brano condito con violini ed archi vari, al rap rabbioso e doloroso di “Take It Back” in cui Ed utilizza di nuovo solo la sua voce e la sua chitarra. Romantico oltre ogni livello (il lieve blues di “Thinking Out Loud” è una delle dichiarazioni d’amore più belle di sempre) e molto sperimentale, mr. Sheeran raggiunge un nuovo concetto di cantautorato che scardina le concezioni classiche e che viene inquinato da elementi nuovi, completamente differenti tra di loro. Particolarmente degne di nota le tracce conclusive dell’album “Even My Dad Does Sometimes” e “I See Fire”, un viscerale lento accompagnato dal pianoforte la prima e brano epico con tanto di base fatta da archi e chitarra (tra l’altro colonna sonora del film “Lo Hobbit – La desolazione di Smaug”) la seconda. Su tutto ovviamente sovrasta l’eccezionale voce poliedrica dal timbro unico di questo cantante che si impone decisamente sulla scena.

Un ottimo lavoro dall’inizio fino alla fine. Non batte mai la fiacca e trascina anche nei momenti più rilassati. Intimo e creativo, il secondo disco di Ed Sheeran è decisamente molto ben riuscito e curato nei minimi particolari. Pollici in su per questo Rosso Malpelo della musica.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Ix9NXVIbm2A[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close