Menu

Recensioni

Nadàr Solo – Fame

2014 - Massive Arts
rock / pop / alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. La Vita Funziona Da Sè
2. Non Volevo
3. Cara Madre
4. Jack Lo Stupratore
5. La Gente Muore
6. Piano Piano Piano
7. Ricca Provincia
8. Akai
9. Splendida Idea
10. Shhh
11. Non Sei Libero

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Una raccolta di racconti crudi e disperati, una vena di demenza come filo conduttore tra di loro, l’infelicità di alcune categorie, un quadro aspro e tormentato della società odierna, una matita dura che calca pesantemente i contorni di un disegno amaro e malinconico. I Nadar Solo con Fame dipingono con colori foschi storie di ordinaria follia.

Un cantautorato elettrico, un rock deciso che non si perde in tante chiacchiere con l’aggiunta di elementi delicati qui e lì che addolciscono con qualche sfumatura più chiara e luminosa il tutto, un disco curato nei minimi dettagli. Dal pianoforte inquieto di “Non sei libero” alle martellanti sonorità punk della violenta “Jack Lo Stupratore”, dalla ruggente ed accattivante “La vita funziona da sé” a “Cara Madre”, brano più disteso ma non meno acido decorato con il violoncello di Mattia Boschi dei Marta Sui Tubi: il trio di Torino sembra aver raggiunto un altro livello di maturità e aver trovato una vera e propria personalità forte e determinata.

Un buon lavoro questo dei Nadar Solo che spicca in particolar modo sul resto della biografia del gruppo rock piemontese. Un disco che scava dentro vicende umane al limite con le note trapananti dei tre musicisti. L’urgenza di denunciare con rabbia situazioni molto spesso taciute. Una rovente “Fame” di esprimersi.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=0p3FCV0Nxqo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close