Menu

Recensioni

Paranoia Black Market – Soli

2015 - Autoproduzione
post/metal/elettronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Abysses
2.La stanza buia
3.Invernale signora
4.La stanza buia pt.II
5.The mountain and the cave
6.White tide
7. Piante Grasse

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Paranoia Black Market è un progetto nato a Torino da Alessandro, Carlo Alberto, Marco e Matthew. L’attività si sviluppa per anni principalmente in un contesto esclusivamente limitato all’interno dei componenti del gruppo, fino alla decisione nell’Aprile del 2014 di registrare un disco, chiamato “Soli”.?Il progetto è in continua rivoluzione e sono incerti possibili sviluppi futuri di genere musicale.”

Lascio spazio a queste poche righe della loro biografia per presentare questo misterioso e quasi sconosciuto progetto torinese che ha rilasciato, nella seconda metà del 2014, il loro primo disco ufficiale.
Registrato (ottimamente) da Paul Beauchamp all’ OFF Studio di Torino e influenzato per buona parte dalle frange più lisergiche del rock e dell’elettronica, “Soli” si apre con il lungo (quasi diciotto minuti) rituale ipnotico e inquietante di “Abysses”, camaleontica fusione di psichedelia e ambient nero, impreziosita da inserti di synth analogici, collage di voci e strumenti inusuali come digeridoo.

Le successive due canzoni, che formano un continuum unico, uniscono molto efficacemente l’elettronica dei Coil più astratti al post-rock (“La Stanza Buia”) fino a lambire i confini del dark-jazz (“Invernale Signora”) grazie anche a uno studio dei suoni molto efficace ed elegante.
Con i con preziosi inserti di sax suonato da Gwidion Destefanis (ospite esterno del disco) nelle successive “La Stanza Buia pt II” e “The Mountain and the Cave”, tutto si sposta verso lidi più psicotici, in un ideale mix tra Aluk Todolo e Naked City, fino a sfociare nella pesantezza quasi doom di “White Tide”.
Chiude il lavoro la psichedelia rock free-form di “Piante Grasse” sorta di reprise de “La Stanza Buia Pt II”.

Un lavoro che spiazza, per la facilità disarmante con cui i ragazzi dei Paranoia Black Market si muovono tra mondi musicali differenti, per nulla scontati e spesso molto impegnativi, con la capacità di rendere il tutto estremamente omogeneo e mai confusionario. Per ciò che mi riguarda una delle sorprese più belle degli ultimi tempi, una dimostrazione di enorme bravura compositiva e libertà espressiva, cosa rara al giorno d’oggi in cui a farla da padrone è spesso un cieco rincorrere di mode e trend.

Sperando che questo piccolo gioiello che è “Soli” non passi inosservato, attendiamo e speriamo in ulteriori mutazioni di questi giovani ragazzi torinesi.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close