Recensioni

Arcane Of Souls – Ceneré

2015 - Autoproduzione
songwriting / alt-folk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.L’oro in bocca
2.Maggio
3.Gennaro
4.Povero me
5.Lunatico romantico stomp
6.Respirare
7.Sintomatico
8.Settembre
9.Opera

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ottima prova per il cantautore calabrese Alfonso Surace, nome di battesimo centrifugato e ricomposto nell’enigmatico anagramma d’arte Arcane of Souls. Quello che ci presenta è un piacevolissimo disco dai toni essenzialmente Blues, che unisce Rock e canzone d’autore; Oasis e psichedelia Beatlesiana, con un tocco di Folk e tanta passione Lo-fi.

Ciò che colpisce, trattandosi di una proposta cantautorale, è la prepotenza e preponderanza delle parti strumentali: ruvide, aggressive e allucinate, quasi a divorare la voce di Alfonso, cantante eccellente che unisce a un timbro sporco e graffiato un range vocale piuttosto alto.
La particolarità dell’album in effetti sembra proprio quella di voler apparire come il prodotto di una band più che di un singolo individuo: una scelta sicuramente consapevole quanto efficace, perchè capace di portare tutta l’energia e l’intensita di una rock band vera e verace, ma conservando l’anima e l’intimità tipicamente cantautorale che in fondo ci si aspetta da un progetto del genere.

Alfonso Surace è riuscito a mettere in sintonia i tasselli che compongono il puzzle della sua vita, tra lavoro, figli e passioni che tentano di diventare qualcosa di più che semplici hobbies. Lo si capisce dalla bella copertina, che lo vede appunto sezionato in quattro ambientazioni diverse, ma lo si capisce anche e soprattutto dal risultato di tutto ciò: un disco bello, sano e genuino.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi