Menu

Recensioni

Maru – Maru

2016 - (R)esisto Produzioni
songwriting / indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Zerotresettedue
02. Denti Da Latte
03. Ninì
04. Maledetti
05. Olliuchenit
06. Un Meteo Nel Caffè
07. Pueblo
08. Ventiquattromarzo
09. Senzaemme
10. Il Trucco


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Cresciuta a Siracusa, città ricca di cultura artistica e musicale, dopo aver imparato a suonare la chitarra -passione che ha ereditato dal padre- e aver intrapreso la Scuola di Liuteria di Cremona, Maru Barucco ha deciso di dedicarsi alla composizione con uno strumento molto particolare, l’ukulele.

Il suono squillante, allegro e spensierato di questo piccolo strumento, unito a un cantato semplice nella forma e spontaneo, è perfetto per trasporre in musica quegli attimi di vita e quei ricordi, perfino un po’ infantili, che portano con sé tutto il calore del sole siciliano e del profumo del suo mare (Nini’, Ventiquattromarzo). Un sound decisamente estivo, fresco e giovanile, che trova espressione in una formula base, fatta di ukulele, chitarra, piano e tastiere, che costituisce la vera anima dell’intero primo e omonimo album della cantautrice italiana.
L’artwork in copertina, che a una prima occhiata riprende i tratti di un disegno infantile, all’insegna della semplicità di vedere le cose, è opera di Lavinia Cultrera. La produzione dell’album invece è stata affidata a Davide di Rosolini, che ha lavorato e inciso a Torino, ognuna delle 10 tracce che compongono il disco, sempre fianco a fianco con la cantante.

Un buon lavoro: Maru è sicuramente uno dei migliori album indie “made in Italy” dell’anno e il suo suono, leggero e frizzante porta il calore della Sicilia, lasciando trasparire in ogni nota le origini della sua interprete.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close