Menu

Recensioni

Ghemon – Mezzanotte

2017 - Macro Beats
R'n'B / funk / soul / pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Impossibile
2. Un temporale
3. Magia nera
4. Cose che non ho saputo dire
5. Bellissimo
6. Quassù
7. Non voglio morire qui
8. Mezzanotte
9. A casa mia
10. Siero buono
11. Dentro le pieghe
12. Niente di più
13. Dopo la medicina
14. Kintsugi


Web

Sito Ufficiale
Facebook

Le porte del treno si aprono ed ecco che discende il dinoccolato Ghemon, intorpidito e voglioso di sgranchirsi dopo un intenso ed intimo viaggio musicale, con i propri pensieri, sentimenti e ricordi quali unici compagni di itinerario.

Lo scontro con il resto del mondo non può che essere violento ed improvviso, contrasto che in prima battuta spiazza ma che poi sfuma, con paranoie e scazzi che mollano un po’ la presa e con lo sguardo che si apre al mondo circostante.

Questo è “Mezzanotte“, un disco dove testi rigorosamente introspettivi e nati in un periodo piuttosto difficile per Ghemon, si imbattono in strumentali solari e gradevoli, frutto di un ordinario ma comunque ben dosato e stiloso mix di r’n’b, soul, funk e pop.

Lato microfono Ghemon conferma e consolida il cantato quale principale forma comunicativa, sempre più comodo dal punto di vista tecnico e con un’interpretazione calda e vivida di testi, come sempre scritti interamente di proprio pugno.

14 pezzi che girano dunque benone per un disco che, pur non stupendo con chissà quali effetti speciali, convince e piace anche dopo svariati ascolti. Segnalazione particolare per Magia Nera, Non Voglio Morire Qui, Dopo la Medicina e l’unico pezzo rappato da inizio a fine ossia Kintsugi.

Bel disco.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close