Menu

Recensioni

Monotonix – Where Were You When It Happened?

2009 - Drag City
stoner/rock/garage

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Flesh And Blood
2. I Can't Take It Anymore
3. My Needs
4. Something Has Dried
5. Set Me Free
6. Spit It On Your Face
7. As Noise
8. Hunt You Down

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La prima cosa che salta in mente è che questi, fuggendo da Tel Aviv, forse da qualche manicomio di Tel-Aviv, si siano iniettati nel sangue la vera essenza del rock, quella che nel nostro patinato mondo delle megaproduzioni neanche ci si sogna di nominare o ricordare.

I Monotonix vengono davvero da Tel Aviv, Israele, forse l’ultimo posto al mondo dove verrebbe in mente di suonare musica rock, questa musica rock.
E infatti, dopo aver provato a diffondere la propria sporca parabola nella Terra Promessa, dopo qualche nudità di troppo e qualche leggendario bagno di ketchup sul pubblico inerme ma, si narra, fottutamente estasiato, i Monotonix, ahinoi, sono stati bollati, bannati, proibiti da qualsiasi locale di Tel Aviv e, verosimilmente, dello stesso stato di Israele.

Levi “Ha Haziz” (Yomtov) Elvis, Moshe Vegas e Bonanza the Cat – questi i nomi dei nostri eroi – non si sono certo fatti spaventare dal proibizionismo occidentale trapiantato in Medio Oriente, o viceversa, poco importa.
Gambe in spalla, strumenti alla mano, stupefacenti in circolo e, ne siamo quasi certi, qualche grave disturbo psichico di contorno, i nostri sono emigrati dall’altra parte del mondo, a New York, Stati Uniti, non si capisce ancora bene se per trovare un’atmosfera più accogliente, o per farsi cacciare dai locali di tutto il globo.
Quello che conta, al di là di ogni supposta diagnosi psichica, è che i Monotonix, da due anni a questa parte, hanno macinato chilometri su chilometri, devastato palchi e timpani e, a distanza di decenni, hanno risvegliato in molti quel lurido mostro che è il rock’n’roll.

Musicalmente parlando li si potrebbe accostare all’eroico garage di Stooges e MC5 sommato al più bieco stoner rock dei primi Kyuss: essenziali, graffianti e sporchi, difficilmente noiosi, i Monotonix suonano più o meno come suonerebbe Iggy Pop se ne avesse ancora l’età.
Fantasticando un po’, potrebbero essere un bizarro e riuscitissimo esperimento bio-genetico, una sorta di mix tra GG Allin – di cui sembrano essere i tanto attesi eredi – Mike Patton – che in barba ad ogni divieto li ha voluti ad aprire un recente concerto dei Faith No More a Tel Aviv – e Borat – i cui echi burleschi e dissacranti sembrano aleggiare su tutto il complesso, inteso come trio e come disco.
Il tutto immerso in un mare di Jack Daniel’s ingurgitato e vomitato con frequenza allarmante e disarmante.
Come una sorta di virus pestilenziale, Youtube ne narra le gesta con raccapriciante perizia: crowd-surfing in bilico su tamburi pericolanti, passionali fans che si danno letteralmente fuoco (succede, davvero, nel Knoxville), nudità all’ordine del giorno sopra e sotto il palco e follia generale che non lascia tregua.

Sincera irriverenza o delirio da post-modernità malata, potrebbero essere una colossale farsa o la più grossa live band del pianeta.
Quello che ci interessa è che, lasciando il beneficio del dubbio a chi ne ha l’inutile bisogno, i Monotonix sembrano essersi catapultati da un altro pianeta giusto in tempo per dare un definitivo e vitale scossone alla storia del rock.
Godiamoceli.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close