Menu

Recensioni

The Dead Weather – Sea Of Coward

2010 - Third Man Records
blues/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Blue blood blues
2. Hustle and cuss
3. The difference between us
4. I'm mad
5. Die by the drop
6. I can't hear you
7. Gasoline
8. No horse
9. Looking at the invisible man
10. Jawbreaker
11. Old Mary

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La parola “riposo”  non esiste nel vocabolario di mr. White. L’intero secondo album dei promettenti Dead Weather si basa sull’opposto del termine in questione, vale a dire la “coscienza” intesa nel senso di: “svegliatevi, siamo tornati”. Sì, perché Jack e soci sono tornati, forse inattesi, forse di sorpresa, ma comunque sia adesso sono qui. Anche se in verità non se ne erano mai andati: il tour mondiale partito con l’album di debutto Horehound non era ancora arrivato al suo termine che già si erano ritrovati in studio a registrare i pezzi nuovi. Come dicevo prima, per loro non esiste requie.

Il primo LP era valido, e si sapeva, ma la vera prova per un artista in generale non è mai quella di debutto, ma la seconda: il talento di una band, la fantasia compositiva e le speranze dei fans devono essere tutte rispettate e contenute in un secondo disco soddisfacente. Sennò è solo l’ennesimo progetto a tempo perso dell’ennesima rockstar che ha tempo da buttare (e forse è quello che hanno pensato i più dopo aver saputo della improbabile collaborazione Jack White / Jay Z ).

Chi voleva i Dead Weather morti e sepolti dovrà invece ricredersi. Sea Of Cowards è il disco della conferma, quello che tutti aspettavano.

Gli elementi ci sono tutti: il leader degli White Stripes è sempre dietro le pelli e lascia il ruolo di cantante, salvo qualche sparuta  eccezione dettate più che altro da slanci istrionici (I’m Mad), alla più accattivante e sempre più convincente Allison Mosshart la quale, per l’occasione, lascia il timbro alla nicotina che tutti amavano dei The Kills solo per qualche vocalizzo à la Janis Joplin, mentre per le restanti tracce sforna una voce tanto pulita quanto graffiante, perfetta.

L’alchimia sonora sperimentata nel debut album si riconferma qui con una rinnovata magia. I ritmi sono ossessivi, a volte claustrofobici; le geometrie compositive grezze e sfocate, come esige la più oscura tradizione urban blues. Tra riff al vetriolo e  qualche reminiscenza al neon data da un maggiore uso dell’elettronica rispetto al passato (Gasoline) si passa per atmosfere noise rock di cui i Sonic Youth andrebbero fieri e versi che sanguinano blue blood blues.

I Dead Weather colorano il loro secondo album di un sound primitivo e a volte malinconico (Old Mary), ben sorretto dalla dura e cruda timbrica del basso di Jack Lawrence e dal drumming forsennato in controtempo della batteria.

Il pony azzoppato a cui si spara nel primo disco (New pony) torna a vivere tra le note delle canzoni grazie a cavalcate sonore degne del miglior purosangue (The Difference Between Us).

In conclusione, per rispondere alla domanda che ci si poneva all’inzio: i Dead Weather? Tutt’altro che un passatempo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close