Recensioni

Carlo Barbagallo – Quarter Century

2011 - 42 Records
avant/experimental/pop/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A Place Called Home
2. Wake Me Up!
3. Medriocre
4. Reject (No Reaction Time)
5. Holiday / H.L.
6. Tx313
7. Show
8. Simon Templar
9. Great Sun
10. Clouds Behind The Moon
11. Town Calls
12. White
13. The Crowd
14. Ercoidem

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Questo lo mettiamo nella classifica italiana del 2011”
“Ma è del 2010!”
“Ma noi non lo diremo a nessuno…”

I musicisti che hanno contribuito alla realizzazione di quest’opera di Barbagallo fanno parte a mio avviso di una scena musicale tutta loro; forse non è una scena ben definita, né una scena con un sound particolare, non è nemmeno un movimento politico e dubito che si vestano tutti seguendo una determinata moda; eppure quando collaborano riescono a dare vita ad opere di vasto respiro, in un cui le sonorità più sperimentali coesistono in armonia con un discorso globale coerente e a tratti anche di facile ascolto.

Così si fa notare la presenza di Peppe Schillaci (Diane in the Shell) che contribuisce a ben 4 brani; la presenza di Michele Alessi (Kyle, Captain Quentin, Maisie) in “Clouds behind the moon”, soprattutto nella composizione del brano; Lorenzo Urciullo (Colapesce, Albanopower) in “Reject” e così via, in tutto all’album collaborano almeno una ventina di musicisti provenienti dai generi più disparati.
Nonostante la vasta gamma di esperienze e le diversità presenti tra ognuno dei membri di questo album, l’opera è coerente e i brani danno l’idea di un lavoro quasi tematico.

E se la copertina può lasciar pensare ai Pink Floyd, le sonorità personalmente mi ricordano più Robert Wyatt e i Soft Machine.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni