Menu

Recensioni

Militia! – Power, Propaganda, Production!

2011 - Neuropa
industrial

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A New Statement
2. Ub Immer Treu Und Redlichkeit
3. A Kite Of Glass In A Blood Red Sky
4. The Undeniable Power Of The Proletariat
5. Power To The People
6. Power, Propaganda And Production
7. The Conquest Of Steel
8. Abrupt Climate Change
9. Cash Crash And Crisis
10. Amidst The Burning Oil Fields
11. The Final Level

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Gruppo belga nato nel 1991 dal polistrumentista Frank Gorissene e  Jo Billen, i Militia! si possono definire strettamente come una band industriale dalla forte componente percussivo\etnica.

Fieri eredi e proseguitori della tradizione industriale degli anni ’80, specialmente di Test Dept, Laibach e di Z’ev, i Militia! usano ancora oggi provocare attraverso giochi ideologici ed immaginari dittatoriali. In una riflessione politico-sociale di contestazione e protesta nichilista, il gruppo belga si lancia in un movimento amelodico ed inorganico, mai confezionando canzoni nel senso confezionato del termine, ma lasciando un impressione coerente e fluida di tutto il disco.
Appropriandosi di strumentazioni metalliche di recupero (come fecero tra i primi gli Einzurstende Neubauten)  i Militia! danno vita a suite corali, tendenti alla completa saturazione dell’ambiente, innestando uno spazio-tempo parallelo, dai connotati talvolta apparentemente cinematografici (soprattuo negli inserti elettronici).
La risultante è un unicum di grande potenza distorta ed emotiva, che rende i Militia un’ottima band  per capire certi aspetti dell’industrial originario e cercare poi a ritroso.

La purezza estetica che contraddistingue questo LP e la sua capacità di muoversi\rinnovarsi al suo interno, formando una struttura che vive di azione e reazione, in cui a spaccati violenti come “Power to the people”, “Conquest of the steel” , si affiancano divagazioni più tendenti all’ambient quali “Abrupt climate change” o mantriche e circolari (diciamo anche lisergiche): “Amidst The Burning Oil Fields” e “Cash Crash And Crisis”, sono difficili da trovarsi in molte delle release industrial odierne.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=GcdGrvt5EGk[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close