Menu

Recensioni

Capitan Love – The Wasted Year Of Capitan Love

2012 - Autoproduzione
pop/rock/psych

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A Cathartic Song
2. The Wasted Years Of Capitan Love
3. Blow Into The Sky
4. Lo Stagno Delle Rane
5. Kitchen Flower
6. Ennio (con Marzipan Marzipan)
7. Rose
8. I Fall Down On The Grass
9. The Sky Tonight

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Se siete quelli come me, quelli che amano scovare citazioni (anche quando non ci sono) tra le canzoni di un disco, in mezzo agli anni sprecati di Capitan Love potete soddisfare e affamare  la vostra curiosità.

La concreta realtà del citazionismo non è fine a se stessa ma si accoppia con il bizzarro surrealismo d’insieme che a sua volta si ciba della quotidianità, facendone sberleffo e accettandone anche l’incombenza più noiosa. Vi è venuta fame? Non avete capito nulla?
Allora provate ad entrare nel gigantesco luna park del rock’n’roll. Pagate il giusto prezzo d’entrata a Capitan Love che vi aspetta con ghigno beffardo e aria furba, mentre vi invita a salire sopra il magico e misterioso treno proveniente da Liverpool. Percorrete il tour che vi propone: un giro, stile Indianapolis, lungo le tappe più bizzarre del rock. Sfrecciate dentro le nubi cerebrali di Barrett, salutate il povero Ray Davies che cerca di attraversare i binari (le strisce pedonali di quella famosa strada londinese sono occupate da tempo). Prima di finire il primo giro, fermatevi nel verde parco ad ascoltare le sgangherate e colte note della band di Zappa e di quel parigrado di Beefheart. Un tuffo rinfrescante al mare con i ragazzini della spiaggia che cantano in coro, interrotti solamente da una radio gracchiante che annuncia il suicidio (omicidio?) di Tenco.Quando arriverete al traguardo, la navicella di Ziggy Stardust è pronta ad accogliervi e portarvi sempre più là, verso il futuro, vincendo anche gli attacchi delle navicelle spaziali tedesche con alla guida tali Kraftwerk, (The wasted years of Captain Love). Sorvolate la disco-music e la new wave degli eighties e…
Pam! Siete nel presente. Dentro alla noia mortale di una giornata come tante insieme alla vostra lei, tra la pigrizia di un letto sfatto e il mattino che vi aspetta in cucina (Kitchen Flower), mentre con la fantasia volate ancora alti, perdendovi anche nel sesso più scollacciato (Blow in the Sky), per poi riaprire gli occhi e tornare normalmente romantici (I Fall down on the grass). Svegliatevi, svegliatevi, è solo un brutto incubo (Lo stagno delle rane).
La vostra lei e lì, reale, davanti a voi: potete parlarci insieme come quando eravate bambini. La sua voce, preoccupata, (è quella di Marzipan Marzipan) vi chiede: dove sei? Dove sei? (Ennio, unico brano cantato in italiano). Voi rispondete. Ma nemmeno voi sapete dove vi trovate e vi autodomandate: dove sono? Confusione e panico.
E’ tutto un sogno?

Forse sì. Altrimenti, dove potete trovare Jannacci e Bowie , citati insieme nella stessa canzone (A Chatartic Song)? Solo nel sogno del friulano Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, già Erotics, che torna a farsi vivo con uno dei più divertenti giri intorno al pianeta musica. Tra realtà e tanta fantasia, dove la seconda sembra dimostrarsi ancora molto più stimolante ed eccitante (e qui Blow in the Sky  fa ripartire il tutto).

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=aequ1zMy8zQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close