Menu

Recensioni

Lamb Of God – Resolution

2012 - Roadrunner Records
trash/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Straight for the Sun
2.Desolation
3.Ghost Walking
4.Guilty
5.The Undertow
6.The Number Six
7.Barbarosa
8.Invictus
9.Cheated
10.Insurrection
11.Terminally Unique
12.To The End
13.Visitation
14.King Me

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Una buona carriera costruita con il duro lavoro, senza mire da primadonna. Resolution è la conferma di quanto, oggi come oggi, i Lamb of God siano la miglior formazione post-Pantera in circolazione, con pochi rivali a contenderne lo scettro.

Se il precedente e discusso Wrath ( a me non dispiaceva nemmeno quello), aveva acceso qualche polemica tra i più agguerriti fans, il nuovo parto di Blythe e soci riporta tutto a posto. Resolution contiene tutto il ricco repertorio della band di Richmond, Virginia: potenza, groove (sono dei maestri), tecnica, varietà di esecuzione (velocità e rallentamenti in quantità), testi introspettivi e mai banali e quel pizzico di melodia incastrata alla perfezione ( ascoltare le clean vocals di Randy Blythe in Insurrection, i chorus melodici di The Number Six o le parti orchestrali inserite nella conclusiva e sorprendente King Me).
I Lamb of God hanno il raro pregio di saper aggiungere quel qualcosa in più alla loro musica, senza snaturarne la natura. Il passato e l’attitudine hardcore affiorano in assalti come Cheated, i rallentamenti quasi sludge dell’iniziale intro, Straight For The Sun si trasformano in un macigno cingolato come Desolation, dove il batterista Chris Adler, vero valore aggiunto, inizia lo spettacolo che si propagherà lungo tutta la durata del disco.
Ghost Walking e To the End estremizzano ancora di più  il southern-thrash di Pantera e Black Label Society, facendo salire in cattedra la coppia di chitarristi (Mark Morton e Willie Adler) che con The Undertow riescono perfino a ricostruire il perfetto Slayer-sound, meglio di quanto facciano gli Slayer stessi oggi.

Tra il passato e il futuro della musica pesante, il presente ha il nome dei Lamb of God. Non saranno degli innovatori ed i loro capolavori, Ashes Of the Wake(2004), Sacrament(2006), li hanno già scritti, ma la loro coerenza ed onestà musicale, per ora, sembra pagare bene, ed i fans non chiedono altro.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=eVg3zPdPB28[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close