Menu

Recensioni

Portal – Vexovoid

2013 - Profound Lore
death/black/metal/experimental

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Kilter
2.The Back Wards
3.Curtain
4.Plasm
5.Awryeon
6.Orbmorphia
7.Oblotten

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Il fatto che la copertina di questo disco ricordi per certi versi quella di “Chaosphere” dei Meshuggah non è un caso.
Sebbene infatti la proposta musicale dei due gruppi sia diversa, il fine é molto simile: intrappolare il nostro cervello per torturarlo a dovere.
Nel fare questo, il misterioso gruppo australiano parte dal death metal di matrice più tecnica e deviata, debitrice di gruppi come i Gorguts di “Obscura” o i Cryptopsy (certe cose di “…And Then You’ll Beg”), per arrivare ad un suono nerissimo e denso come la pece, in parte indefinito e micidiale.
L’atmosfera opprimente e claustrofobica rende l’ascolto un’esperienza soffocante e ogni tentativo di melodia è cancellato da tonnellate di dissonanze e incastri ritmici che ricordano i migliori Immolation ma con una surrealitá di fondo pienamente debitrice dell’ universo Lovercraftiano.
L’apertura del disco è affidata ai blast-beat malsani di “Kilter” che, con la successiva “The Back Ward”, ci trasporta in una dimensione caotica e senza uscita.
I suoni sono molto più puliti e curati rispetto ai lavori precedenti pur mantenendo quel tocco personale di ogni strumento; una particolare menzione va fatta al lavoro di produzione sulle chitarre, cupissime come forse mai mi è capitato di sentire ma mai confuse.
I quasi sei minuti di “Curtains”, caratterizzati da un riffing quasi black ma totalmente disarmonico, risulta uno dei migliori brani di “Vexovoid”, dove ritmi serratissimi e compatti si alternano a rallentamenti memori dei Morbid Angel del periodo “Covenant”/”Domination”.
Sulla stessa lunghezza d’onda la successiva “Plasm”, che da metà in poi si trasforma un muro di rumore, quasi a fare da spartiacque tra le due metà dell’album.
“Awryeon” presenta ancora le due facce del gruppo australiano, con la prima metà serrata e furiosa e la seconda lenta e più sperimentale.
I due minuti e mezzo di “Orbmorphia”, schizofrenici e imprevedibili, ci portano dritti alla traccia finale in cui veniamo investiti da una quantità enorme di frequenze infrasoniche.
Il brano, che rimane sempre in bilico tra un drone denso di subarmoniche e il noise puro, è senza dubbio quello più sperimentale dell’intero lavoro e rappresenta la perfetta conclusione di “Vexovoid”.
Ennesima prova senza errori per gli australiani che si dimostrano ancora una volta uno dei pochi gruppi capaci (insieme a Deathspell Omega, Ulcerate, Altar Of Plagues e pochi altri) a rappresentare la vera avanguardia in campo estremo.
Difficili, quasi impenetrabili e, per molti, anche irritanti ma unici e geniali.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=YNMzlBR0glo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close