Menu

Recensioni

Philip H. Anselmo & The Illegals – Walk Through Exits Only

2013 - Housecore Records
sludge/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Music Media Is My Whore
2. Battalion of Zero
3. Betrayed
4. Usurper Bastard's Rant
5. Walk Through Exits Only
6. Bedroom Destroyer
7. Bedridden
8. Irrelevant Walls and Computer Screens

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ho sempre seguito Phil Anselmo con grande interesse. Certo, i Pantera hanno sempre un pezzo del mio cuore, ma sono sempre stato un grande fan dei Down e ho amato anche i Superjoint Ritual. Per cui avevo una certa curiosità nel sentire il suo disco solista con gli Illegals.

Diciamolo subito: non aspettatevi i vocalizzi classic metal di “Cowboys From Hell” né un disco troppo impostato sulla voce. Gli anni passano per tutti e Anselmo non ha più le escursioni di un tempo, ma ha comunque dalla sua una voce scream che ha pochi uguali nell’hardcore/metal, un marchio indelebile che si riconosce sempre.
Il disco tradisce soprattutto il grande amore storico di Phil per l’hardcore e per il metal più estremo; le otto tracce sono un concentrato di metal granitico e un hardcore che spesso sfocia nel metalcore, con frequenti breakdown e cambi di ritmo. Ma il problema di questo disco non è il sound, sono le composizioni: astratte, lunghe e ben poco interessanti, in quanto Anselmo e gli Illegals usano le stesse soluzioni più o meno in tutto il disco, ma non ci sono grandi parti melodiche né molte parti che sfuggano alle gabbie metalliche prodotte dalle strutture hardcore delle canzoni. Anzi, quel che è peggio è che quei pochi riff grintosi groove metal che ci sono vengono pesantemente ridimensionati dalla produzione, che per ottenere un sound estremo e asfittico imbriglia quei pochi riff in modo che stiano bassi nel mixer e non spicchino. Un muro sonoro che non si ferma mai, il problema è che il tutto è troppo simile a sé stesso e quindi il disco viene a noia in ben poco tempo. L’unica canzone che spicca è la traccia finale “Irrelevant Walls and Computer Screens” che, pur essendo lunga, ha una progressione più semplice e si ascolta volentieri.

In generale, non una gran uscita solista per l’ex-Pantera. Magari il nuovo EP dei Down ci farà passare il mal di pancia, ma sicuramente questo primo disco di Anselmo poteva andare molto meglio.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=TiHex-G3b3s[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close