Menu

Recensioni

judA – Quel Brevissimo Istante In Cui Ti Manchi

2014 - Riff Records
rock / alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

01. Vibra
02. Isolamento
03. Nel Deserto
04. Aquiloni A Nord
05. Ars Oblivionis
06. Fiele
07. 100
08. Di Stomaco
09. Del Buio
10. L’Eleganza Dei Pensieri Semplici

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Quel brevissimo istante in cui ti manchi” è l’ultimo lavoro dei milanesi judA. Un disco certamente complicato, ma che riesce, con sonorità anni 70 e con testi caleidoscopici, a prendere la realtà dell’ascoltatore e a scaraventarla via.

Ascoltandolo, ti porta in un mondo rock psichedelico, dove i NIN abbracciano i Tool, ma senza mai cadere nell’ovvio o nel plagio. La chitarra ferisce l’animo, tanto quanto le parole entrano incuranti dei tuoi pensieri nell’animo, per portarti a vivere quei brevissimi istanti raccontati dalla band.
Si parte subito con due tracce paragonabili ad un bombardamento sonoro: Vibra e Isolamento uniscono suoni grezzi a tonalità melodicamente più simili al prog, che rendono l’apertura del disco una vera e propria avanzata letale.
I due pezzi successivi (Nel deserto e Aquiloni a nord) avvolgono l’ascoltatore in una nebbia oppiacea ,che fa presto dimenticare l’attacco letale del’apertura . Con “Ars Oblivionis” e “Fiele”, invece, si torna a palpare quel rock prog dei primi due pezzi. Il finale “L’Eleganza dei Pensieri Semplici” è la vera ciliegina di un album che consacra definitivamente i judA e permette alla band milanese di scalare lo scalino più difficile superando il precedente album “Malelieve”.

Il loro rock d’altri tempi è la vera prova che la capacità di emozionare e di rapire sensazioni non viene mai sconfitta da mode passeggere.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Ic4-qNKECCg[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close