Menu

M'Importa 'Na Sega

M’Importa Na Sega #23: RICHARD WRIGHT – Breakthrough

sega

È giovedì ma io no. L’unica rubrica derubricata in partenza nasce in un giorno di neve fitta sull’appennino e di pioggia stronza dentro casa mia. Per interrompere il conato di bestemmie in corso ho pensato di aver bisogno di fare una cosa bella e inutile. Come questa, ossia raccontare attraverso particolari storie (quanto più possibile non troppo note) di musicisti, dischi, canzoni e concerti, prestando ad essi ulteriori spunti a tema, equivoci maldestri e ricami personali con pretesa assoluta di incompletezza e strettamente ove impossibile e fuorviante, come fosse antani.

M’Importa Na Sega #23: Classic (ma solo per me il mio cane) – RICHARD WRIGHT – Breakthrough

“Broken China” (1996) è un album di Richard Wright, tastierista dei Pink Floyd, con la partecipazione di Sinead O’Connor e le chitarre di Dominic Miller. Inspiegabilmente trascurato per la qualità delle musiche, è un disco intimo, elegante, riservato come il profilo che Wright ha tenuto per tutta la vita, da signore della musica e anima morbida non meno dei tappeti sonori che scriveva per le incursioni dei più celebri Gilmour & Waters.
In “Broken China” si racconta la battaglia ingaggiata dalla moglie Millie contro la propria spirale depressiva. Se il rosa dei Floyd era in particolare suo, in questo disco emerge con tutta la sua tensione tanto romantica e onirica tanto cupa e straniante.
Merita la vostra attenzione, a partire da questa canzone.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=T-Zg_znrZtk[/youtube]

Nota: avremmo voluto tanto inserire il pezzo scelto originariamente (“Reaching For The Rail”) ma qualche benpensante ha preferito toglierlo da Youtube, Spotify eccetera pensando di fare un favore alla musica

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close