Menu

Recensioni

Backjumper – Haze

2015 - Autoproduzione
metal / stoner / hardcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Whoreship Statute
2. Two-Sided Dagger
3. The Blessing
4. Black Youth
5. The Day I Died
6. Wolves at My Door
7. When Breathing Doesn't Mean Living
8. Lowlife
9. No Coming Back

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Arriva da Bari una delle più importanti band sulla scena metal italiana. Si tratta dei Backjumper: i pugliesi possono vantare già diverse esibizioni in giro per l’Europa, anche insieme ad artisti di fama internazionale, come accaduto al Wacken Open Air del 2013, in Germania.

Che poi, in realtà, quello dei Backjumper non è solo metal: c’è molto, molto di più. È un heavy un po’ moderno, che sa farsi incisivo e graffiante quando deve, un po’ meno cattivo e selvaggio, a vantaggio della parte più melodica, quando serve. La versatilità e la duttilità del cantante Francesco Bellezza, in tal senso, giocano un ruolo straordinario e non fanno che giovare a un disco già parecchio solido. Ma la forza dei Backjumper sta anche in un sound sofisticato, che può esser certamente ricondotto alla voce heavy metal, ma che è frutto di numerose confluenze. Dalle suggestioni southern delle parti più melodiche (come in “The Day I Died”) alle tracce di elementi stoner. La perizia tecnica che i Backjumper mettono ripetutamente in luce è anche frutto di un’esperienza che, in alcuni passaggi, sa sfiorare anche territori prog. “The Blessing”, pezzo del quale la band ha pubblicato anche il primo videoclip, è uno dei punti focali di un disco che è, poi, chiuso da un altro pezzo in grado di spaccare tutto, in senso figurato e non: si tratta di “No Coming Back”. Che sia una promessa. Giunti a questo punto, i Backjumper non devono (e non crediamo possano) tornare indietro.

“Haze” è un disco fatto da riff martellanti e aggressivi, imprevedibili stop & go, parti più melodiche inserite sempre al posto giusto e nel momento giusto, un cantato d’alta qualità. È frutto di varie influenze e stili, che fanno da cornice a un quadro già bello di suo. “Haze”, indiscutibilmente, è una bomba. È un disco da ascoltare e, prima o poi, anche da pogare.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=2vn02Dgttlw[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close