Menu

Recensioni

Sadside Project – Voyages Extraordinaires

2015 - Bomba Dischi
indie / pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Nautilus
2. The Dock
3. Requiem (for a friend)
4. Brotherhood
5. Third Class Heart Party
6. Sherwood
7. Summer Singing Collective
8. Truth
9. Interstellar
10. Analog Landscape

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A due anni da “Winter Whales War”, i Sadside Project, una delle band più promettenti sulla scena indie italiana, tornano con una nuova veste. “Voyages Extraordinaires” è il titolo adatto per descrivere il percorso che questi ragazzi hanno avviato circa sei anni fa, oltre che quello di una celeberrima raccolta di racconti di Jules Verne.

L’impatto col disco è molto particolare: l’introduzione in chiave folk irlandese non è certamente quello che ci si attende da una band che aveva avviato la sua carriera praticando un garage rock che aveva saputo garantire un buon riscontro in fatto di critica e di pubblico. E invece il folk e i richiami, più in generale, a tutta la musica Irish sono i tratti peculiari di questa nuova produzione, pur abbracciando un rock che, comunque, è diverso da quello degli inizi. Sono, infatti, i violini e le fisarmoniche a spiccare, insieme con le chitarre acustiche e le cornamuse, ma c’è un ampio utilizzo anche dei fiati: è una scelta figlia della voglia di reinventarsi ancora, di non voler smettere di sperimentare, di voler dare alla luce creature con uno sguardo verso orizzonti sempre nuovi e diversi.

Il disco è un continuo alternarsi di ballate vintage e pezzi dal ritmo rapidissimo, in cui non di rado sono presenti stop & go. Aperto e chiuso rispettivamente da “Nautilus” e “Analog Landscape (Auld Alliance Version)”, brani che davvero sono capaci di evocare folletti e fate, l’album tocca il suo apice con “Third Class Heart Party”, impreziosito da un levare quasi reggaeggiante. “If Truth Should Be Told” è un altro gran pezzo, il più aggressivo del lotto: conferma, insieme con il brano successivo (“Interstellar”) che l’afflato più garage non è assolutamente svanito, anzi: semplicemente, siamo in presenza di una band che preferisce abbattere qualunque confine di genere, rifiutare etichette e classificazioni.

Un’esperienza artistica e musicale in continuo divenire, che sa accogliere sempre più elementi, arricchendosi ogni volta di più. I Sadside Project hanno ottenuto la lode nella loro personalissima prova di maturità.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close