Recensioni

The Strokes – Future Present Past

2016 - Cult Records
indie rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

    1. Drag Queen
    2. OBLIVIUS
    3. Threat Of Joy
    4. OBLIVIUS (Fabrizio Moretti remix)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Un assaggio di The Strokes a tre anni di distanza da “Comedown Machine”. La band capitanata da Julian Casablancas torna con un EP di quattro tracce, delle quali tre brani nuovi di zecca e un remix di “OBLIVIUS” realizzato dal batterista Fabrizio Moretti.
Il lavoro forse anticipa qualcosa di succulento: perché se è questa la premessa, ci aspettiamo un grande ritorno.

Un ritorno alle origini ma anche no per la band di New York.
“Drag Queen”, la dissonante e distorta opening track in cui la voce di Casablancas risulta particolarmente tormentata, “OBLIVIUS”, quasi hit estiva, intricata e martellante ma con un velo di leggerezza, “Threat Of Joy”, pezzo spensierato e più morbido del resto dell’EP, lo psichedelico e nebuloso remix di “OBLIVIUS” targato Fabrizio Moretti: c’è un po’ di “Room On Fire”, un po’ delle sperimentazioni e dell’introspezione di “Tiranny” (opera prima del progetto Julian Casablancas + The Voidz), un po’ della ruvidezza di “Is This It”, ma al tempo stesso ce ne allontaniamo, rivelando qualcosa che la band ancora non ci ha detto e che vuole dirci.

Schietto, acceso, ridotto all’osso ma curato, con sprazzi di new wave e la vena sempre pulsante di un rock che non muore mai, in bilico tra garage, punk, progressive. E quella voce deformata e dolorosa.
Un lieto ritorno, un’attitudine che ci mancava da un po’, un equilibrio tra il passato, il presente e un probabile futuro del gruppo, tra nuovo, vecchio e attuale.

Rimaniamo in attesa.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi