Recensioni

Touché Amoré – Stage Four

2016 - Epitaph
post-hardcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Flowers and You
2.New Halloween
3.Rapture
4.Displacement
5.Benediction
6.Eight Seconds
7.Palm Dreams
8.Softer Spoken
9.Posing Holy
10.Water Damage
11.Skyscraper

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“You died at 69 with a body full of cancer. I asked your god how could you but never heard an answer. No one saw it coming, the diagnosis of stage four”

È un concept pesantissimo quello che ha ispirato il nuovo lavoro dei Touché Amoré: Stage Four, quarto album in studio per la band di Los Angeles, a 3 anni di distanza dal precedente Is Survived By, è la cronostoria dettagliata e devastante dell’ultimo stadio della malattia che si è portata via Sandy, la madre del cantante Jeremy Bolm, un viaggio toccante in un inferno personale fatto di memorie, di rimpianti, di parole non dette e di strategie fallite per accettare l’inaccettabile. Ed è nella musica e nella scrittura che Bolm trova il coraggio di cercare quelle risposte che si è negato durante quest’ultimo disperato periodo: ogni brano è una tessera di un mosaico (splendidamente rappresentato nella copertina dell’artista londinese Antony Gerace) che funge da vivida e diretta testimonianza del personalissimo rapporto con il lutto.

Pur se più morbidi che in passato, i Touché Amoré suonano con malinconica spontaneità la rabbia e la fragilità del proprio cantante mentre scandisce con voce roca e spezzata ogni doloroso ricordo: è una trama il cui finale è già scritto, messa in scena con perfezione e consapevolezza dal fluire simbiotico delle chitarre e da una precisa sezione ritmica, che sa quando dare ancora più voce al dramma e quando farsi rispettosamente da parte.
Sono tanti i fantasmi e i rimorsi con cui Bolm si trova a scontrarsi durante il coinvolgente scorrere dei brani, in cui ogni difficile momento è raccontato con cruda dovizia di particolari: il rapporto con la fede, gli svariati sensi di colpa lunghi tutta una vita, quell’ultima sera all’Halloween (locale di Gainesville dove i Touché Amoré suonavano il giorno della morte della madre di Bolm), una ferita nera e dolorosa che anche a distanza di tempo continua a dilaniare dentro.

E poi c’è quel messaggio nella segreteria di Bolm, posto al termine della conclusiva e splendida Skyscraper (con Julien Baker) e di quel you live there under the lights urlato a squarciagola di fronte al cielo di New York (meta di un ultimo viaggio insieme) con inaspettata coscienza di sè. Non è niente di speciale, nulla di apparentemente memorabile, è solo Sandy che dice al figlio che al termine della giornata passerà a comprare delle medicine. Mai ascoltato fino a poco tempo fa, oggi condiviso con il mondo intero, come a voler dimostrare di aver trovato l’illogico coraggio di andare avanti dopo essere sprofondato in un vuoto incolmabile.

Stage Four è un disco commovente, urgente e sincero, che segna la completa maturazione personale e artistica di una band all’apice della propria carriera e che sa di aver fatto un regalo immenso.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi