Impatto Sonoro
Menu

Reportage

[PhotoReportage] SURGERY – Dissesto Musicale, Roma, 26 febbraio 2011

I Surgery si sentono a casa (il locale è intimo e il pubblico è pieno dei loro più fidati sostenitori) e si percepisce nell’aria: la fine del concerto è uno scroscio di applausi che intende abbracciare e ringraziare sia loro, dal palco, sia tutti i presenti, accaldati ed esausti ma già nuovamente desidorosi di rincontrarsi per la prossima data ancora in programmazione. A cura di Silvia Cerri.

[PHOTOGALLERY]: LINEA 77 – Circolo Magnolia, Milano, 27 gennaio 2011

I Linea 77 visti e fotografati al Circolo Magnolia di Milano. A cura di Mario Carina.

VERDENA – Velvet Club, Rimini, 4 febbraio 2011

Un logorroico (esperto all’opera) si fregia oggi dell’onore di narrarvi l’accaduto di quella sera allo storico Velvet di Rimini dove la miglior live band italiana per definizione si è confermata tale senza sforzarsi di imitare la fatica che si deve fare per ottenere questa onorificenza. A cura di Emanuele Brizzante.

LINEA 77 + Lithio – Auditorium Flog, Firenze, 15 gennaio 2011 (+ photogallery)

I Linea 77 a Firenze li abbiamo seguiti da un’angolatura insolita, quella dei Lithio, gruppo fiorentino che ha avuto l’onere e l’onore di cercare di scaldare palco e pubblico per lo show della band torinese. A cura di Arianna Guerrini.

VERDENA – Apartaménto Hoffman, Conegliano (TV), 20 gennaio 2011

Un secret show annunciato pochi giorni prima e senza dichiarare il nome della band che suonava. Ma è troppo tardi: tutti sanno di chi è “Wow”, e quindi il locale si riempie oltre le sue capacità. A cura di Emanuele Brizzante.

EDDA – Dharamshala, Tronzano Vercellese (Vc), 8 gennaio 2011

Quando penso a Edda degli ultimi 2 anni , vedo un uomo sopra ad un enorme e lungo ponte che congiunge un’isola “delle scelte sbagliate”, ormai alle spalle e molto lontana, con un’isola “della vita felice” che si scorge in lontananza, ancora avvolta, però, da nubi e nebbie. A cura di Enzo Curelli.

ISOBEL CAMPBELL e MARK LANEGAN – Viper, Firenze, 27 novembre 2010

Lui. Lei. C’è poco altro da dire sulla coppia Isobel Campbell/Mark Lanegan. Due mondi all’apparenza opposti, inconciliabili, ma che in quattro anni hanno saputo regalare a pubblico e critica tre album ottimi, che si muovono, di volta in volta, tra le radici del blues, del folk, del country e del pop più elegante. A cura di Giulia Antelli.

Speciale MINISTRI: Firenze e Roncade, 3 e 7 dicembre 2010 (+ photogallery)

Alfieri della nuova scena rock italiana o grosso potenziale buttato in pasto ad adolescenti in perenne crisi ormonale? A cura di Giulia Antelli e Gloria Brusamento.

(Two) ONE DIMENSIONAL MAN: Milano e Firenze, 28 e 31 ottobre 2010 (+ Photogallery)

Tra schizzi di sudore, percussioni impazzite e coltellate di chitarre il concerto finisce lasciando il ricordo ai presenti di aver assistito a uno degli show più emozionanti e potenti di inizio stagione. A cura di Mario Carina e Tommaso Fantoni.

LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA – Data Zero – Teatro Comunale, Ferrara, 11 novembre 2010

Se i testi riescono ancora a comunicare qualcosa forse non è solo per merito dei tempi che gli sono senz’altro d’aiuto, ma anche di una capacità che lui ha dentro e si porta dietro da quando ha iniziato l’avventura come Luci della Centrale Elettrica. A cura di Emanuele Brizzante.

ANTI-FLAG (+ Pulled Apart By Horses e The Swellers) – Tunnel, Milano, 20 ottobre 2010 (+ Photogallery)

Chi pensa che al giorno d’oggi il punk rock socialmente impegnato sia legato solo ai patinati Green Day, molto probabilmente deve ancora ascoltare e vedere almeno una volta gli Anti-Flag. A cura di Mario Carina.

RED SPAROWES – Scalo San Donato, Bologna, 26 ottobre 2010

La paura è straziante, ma al suo interno giace la risposta. A cura di Fabio Gallato.

IMMANUEL CASTO – MUSICA PER ORGANI CASTI – Magazzini Generali, Milano, 16 ottobre 2010

Musica Per Organi Casti. Il ventre molle e caldo dei Magazzini Generali accoglie senza resistenze la mia penetrazione nella data milanese dell’Adult Music Tour di Immanuel Casto, il 16 ottobre 2010. A cura di Blicero (La Privata Repubblica)

SHELLAC – Estragon, Bologna, 8 ottobre 2010

Il concerto dura un’ora mezza,le mie orecchie fischiano e fischieranno anche i giorni seguenti,ma ne è valsa la pena. A cura di Eleonora Verri.

YOUTH OF TODAY – Bloom, Mezzago (MI), 28 settembre 2010 (+ PHOTOGALLERY)

Finalmente arriva martedì. Un martedì differente dagli altri giorni pigri della settimana lavorativa. Questa sera c’è l’evento acclamato e annunciato da qualche mese tra tamtam su internet ed i vari social network: il concerto degli Youth of today. A cura di Mario Carina.

EELS – Alcatraz, Milano, 15 settembre 2010

C’era attesa per questo tour che doveva presentare sul palco la trilogia di dischi usciti nel corso dell’ultimo anno che hanno dimostrato l’assoluta prolificità e libertà di movimento della one man/band, incurante di critiche e leggi del mercato. A cura di Enzo Curelli.

METAROCK FESTIVAL #2: BANDA BARDO’, PEPPE VOLTARELLI, WORKING VIBES, GATTIMEZZI, BRUNORI SAS – Pisa, 10 settembre 2010

“Ha tutte le carte in regola/Per essere un artista:/Ha un carattere melanconico,/Beve come un irlandese./Se incontra un disperato/Non chiede spiegazioni”. A cura di Arianna Guerrini.

METAROCK FESTIVAL #1: BAUSTELLE, IL TEATRO DEGLI ORRORI, PERTURBAZIONE, LA FAME DI CAMILLA – Pisa, 9 settembre 2010

Il Metarock Festival conduce ormai da 25 anni artisti nazionali ed internazionali nella città della bandiera rossocrociata, della torre pendente, della torta coi bischeri. A cura di Arianna Guerrini.

MELISSA AUF DER MAUR – Estragon, Bologna, 28 agosto 2010

La Auf der Maur verrà ancora in Italia e vi consigliamo di andarla a vedere se vi interessa un concerto potente, carico, coinvolgente, con molta energia positiva, a suo modo simpatico, e anche, diciamolo, se volete vedere una delle donne più affascinanti degli ultimi 20 anni di storia del rock. Gran serata. A cura di Emanuele Brizzante. Foto di Antonella Falbo.

“ADESSO TOCCA A N’OI!” – Montebello (SI), 4 settembre 2010

Gli Ultimi, i Pinta Facile e i Payback tirano dritto uno dopo l’altro per più di due ore di secco, sudato, spigoloso punk-hardcore senza fronzoli e limitazioni spaziali. A cura di Michele Guerrini.