Impatto Sonoro
Menu

Back In Time

Il mio ultimo sguardo, la luna nei tuoi occhi: “The Lioness” di Songs:Ohia

Oggi Jason Molina è giustamente nel pantheon degli eroi “minori” della musica, di quelli periti troppo presto, in disgrazia e in sordina. In un silenzio assordante, offuscato solo dal suono celestiale della sua musica.

“How Strange, Innocence”, squarci nel cielo ai piani alti del post-rock

Gli Explosions In The Sky non hanno inventato il post-rock, anzi, ne sono stati la primissima derivazione. Tuttavia, non è difficile trovare chi vi dirà che l’universo del post-rock coincide con quello degli Explosions In The Sky. E non c’è nulla di più vero.

“Low”, ovvero The rise and fall of the Thin White Duke

Il capolavoro di David Bowie raccontato in cinque parti, cinque elementi che messi insieme diedero vita a qualcosa di irripetibile.

“Neon Golden”, i Notwist e lo splendore degli opposti

È una musica discreta quella dei Notwist, sembra procedere in punta di piedi ma poi colpisce inesorabile come una palla di cannone lanciata a velocità supersonica.

“Defenders Of The Faith”: l’attacco è la miglior difesa

Il Metallian, ovvero l’immonda creatura protagonista della copertina di “Defenders Of The Faith”, fu ideato dai Judas Priest per trasmettere un messaggio ben preciso al mondo intero: nessuno poteva permettersi di fare loro la morale

Troppi re all’inferno, troppi servi in paradiso. La lunga Attesa di Kaos One.

Kaos

Avete presente i racconti di donne morse da una tarantola provenienti dal profondo Sud del Paese, alle quali non restava che ballare come forsennate fino a crollare prive di sensi, per scongiurare la propria crisi esistenziale? Ecco, il modo in cui Kaos aggrediva ogni beat, suscitava in me la stessa impressione: più che non voler fare un rap diverso, non poteva.

“There Is Nothing Left To Lose”, i Foo Fighters prima di prendersi tutto

Foo Fighters

Un disco interlocutorio, non sicuramente il più incisivo, ma necessario ad unire quello che era accaduto tra i due album precedenti e il progressivo successo planetario dei lavori successivi.

Troppo giovane per “Microchip Emozionale”, troppo vecchio per “Microchip Temporale”

Se “Microchip Emozionale” era “Il Quinto Elemento”, “Microchip Temporale” è “Maze Runner”. Ed è la distopia perfetta per il 2019.

“White Album”, un capolavoro a due passi dalla fine

Beatles

Il “White Album” è tutto meno che la testimonianza di una band in decadenza e disgregazione, ma rivolta semmai verso un cambiamento ed una evoluzione che poi li porterà alla rottura definitiva, non prima di regalare al mondo un altro capolavoro della portata di “Abbey Road”.

“The Devil And God Are Raging Inside Of Me”, la mia resa dei conti con i Brand New

Brand New

“The Devil And God Are Raging Inside Of Me” è stato, anche solo per un secondo, la cosa più pura e bella che mi sia capitata quando tutto sembrava perduto, imponendomi un’analisi coscienziosa del circostante, di ciò che ero e di cosa sarei dovuto diventare.

“The Ghost Of Tom Joad”, lo spettro del Sogno Americano

Quello che colpirà l’opinione e l’attenzione dei molti, non sarà solo la sua attualità, la “schiettezza” ma che sia soprattutto una figura popolare come quella del Boss a metterci la faccia, schierandosi così apertamente.

“Achtung Baby”, le giornate difficili esistono

U2

“Se a dieci anni hai questi gusti musicali, significa che hai un orecchio fine!”

“Issues”, non esiste una storia che non sia autocoscienza

Korn

“Issues” mi catturò per la sua forza, le sue melodie interposte tra wall of sound controllati, l’espressività di un Davis in stato di grazia, un tutt’uno per quest’opera conchiusa, fine a sé, e che è bene che rimanga come tale.

“The Mind Is A Terrible Thing To Taste”, la colonna sonora di un incubo ad occhi aperti

I gusti metallari di un ex paladino del synthpop come Jourgensen presero definitivamente il sopravvento in un album che, a tre decenni esatti dalla sua uscita, può essere considerato una sorta di primo, vero e proprio esempio del classico sound alla Ministry.

“Holy Wood”, la lenta marcia dell’oscura valle della morte

Ascoltare oggi il quarto album di Marilyn Manson ci mette davanti ad una musica diversa da quella odierna: follia demoniaca, rabbia, violenza, droga, sesso tutto dentro a quel rock selvaggiamente oscuro.

Goodie Mob: cibo per l’anima dal profondo Sud degli Sates

Goodie Mob

Mi piace pensare che la mia anima avesse bisogno di essere nutrita più di altre, ed è per questo che non sono mai riuscito a reputare meno che imperdibile l’invito a sedersi alla tavola dei Goodie Mob.

“The Ascension”, l’inevitabile decostruzione della realtà

Glenn Branca

In una dimensione urbana e frenetica, incubo Langhiano del lontano Metropolis divenuto realtà, l’unico antidoto può essere solo la decostruzione. La tabula rasa. Glenn Branca funge da canale tra ciò che non abita questo mondo ma che cerca di arrivarci con messaggi di avviso.

Grida che bruciano il silenzio: 20 anni di “The Battle Of Los Angeles”

Al limitare della fine del secolo i Rage Against The Machine raccolgono tutta l’acredine, l’astio, gli scontri, le sconfitte, ma in fondo anche le vittorie, le mescolano e danno vita alla Battaglia Finale.

“Necroticism”: uno straordinario mostro di Frankenstein death metal

Carcass

Riff allucinanti, cambi di tempo improvvisi, brandelli di melodia, rigurgiti grindcore, tessiture chitarristiche sopraffine e succosissimi echi classicheggianti: un repellente mostro di Frankenstein che con i Carcass divenne un essere straordinario.

“Enter The Chicken”, ovvero il proverbiale coniglio dal secchiello

Assurdo, magistralmente tecnico, ma allo stesso tempo originale e melodico: quando si ha la versatilità artistica di questo gigante riccioluto dalla faccia celata, puoi fare quello che vuoi con la musica.