Impatto Sonoro
Menu

Back In Time

“Absolution”, la sinfonia distopica dei Muse

Futuri distopici in cui un governo di pochi danneggia i più, ribellioni messe a tacere nel sangue, fughe, amori più o meno felici, disillusione, disastri ambientali, guerre. La colonna sonora perfetta per una lettura come può essere “1984” di Orwell

L’unico posto in cui vorrei essere ora, “In A Bar Under The Sea”

in a bar under the sea

“In A Bar, Under The Sea” è un piccolo gioiellino che ha solo bisogno di un po’ d’attenzione per regalare sensazioni e riflessioni che spaziano in tanti ambiti della vita umana, ma che poi ci portano sempre allo stesso punto: la vita a tratti fa schifo, ma va bene così.

“Scary Monsters”: David Bowie, i suoi mostri e un pagliaccio sulla spiaggia

Posso dirlo: il quattordicesimo disco di Bowie è una roba pazzesca che se non stai attento e ci finisci dentro una sera, ci rimani intrappolato finché non ti cascano i denti. Non è “soltanto” il più grande disco di Bowie. È il più grande disco di qualcosa ancora più grande di Bowie, se possibile

In orbita sul “Satellite” nu-metal dei P.O.D., vent’anni dopo

Satellite P.O.D.

Lanciati in orbita su di un immaginario satellite, i P.O.D. giocavano i propri punti di forza, suonando una serie di melodie che non lasciavano scampo, ma al tempo stesso trasmettevano messaggi forti e dolorosi

“Toxicity”, l’essenza della ribellione per i System Of A Down

Toxicity

I System Of A Down hanno l’enorme merito di aver avvicinato un sacco di ragazzi alla musica heavy, aprendo la strada alla scoperta di un mondo di artisti e realtà incredibili.

“Fire Of Love”, il fuoco distruttivo e purificante dei Gun Club

Fire Of Love Gun Club

“Fire Of Love” era ambientato nelle zone più squallide dell’iconografia americana e invocava lo spirito dei vecchi bluesman per farli danzare attorno a un fuoco che era insieme distruzione e purificazione.

“Danzig”: non un disco, ma una carriera

Danzig

“Danzig” è un disco che spiega e condensa una carriera intera e di riflesso una lente che ci permette di leggere come fossero le cose trent’anni fa nel mondo del rock…

Crisi, droga, ma rock’n’roll: “Rock In A Hard Place” degli Aerosmith

Rock in a hard place aerosmith

“Rock In A Hard Place” è quindi il disco della crisi degli Aerosmith? Un tentativo di rinascita? La scappatella di una rock’n’roll band? Un po’ tutto questo.

“Kicking Against The Pricks”, e calci in culo da Nick Cave and the Bad Seeds a chi spera ancora in qualcosa

Cave Kicking

Questo che oggi compie 35 anni non è un album di cover. Sono gli ennesimi calci in culo che Nick Cave and The Bad Seeds assestano a chi trova ancora qualcosa in cui sperare.

“Beautiful Freak” degli Eels, ovvero la storia di come Mark Oliver Everett diventò una star

Beautiful Freak Eels

“Beautiful Freak” non è un nefasto campionario di disadattati rassegnati al proprio destino, ma – al contrario – un vero e proprio inno in dodici brani sulla ricerca degli aspetti positivi dell’essere freak.

“Every Good Boy Deserves Fudge”, il punto di rottura dei Mudhoney

Mudhoney every good boy

I Mudhoney sono consapevoli di aver scritto la storia recente del movimento di cui fanno parte, ragion per cui iniziano a giocare contro se stessi, le loro passioni e inclinazioni artistiche

“Tidal”, le strategia di sopravvivenza di Fiona Apple

Tidal Fiona Apple

“Tidal” strappava le confessioni di una giovane donna per darle in pasto ad un pubblico all’epoca particolarmente bramoso di segreti, bugie e cantautrici con l’anima spezzata

“Scraps At Midnight” di Mark Lanegan, un palco di rose rosse e pacchetti di Marlboro

Scraps At Midnight

Era Lanegan che entrava in una nuova fase, quella in cui si allontanano le strade dello stato di Washington e si aprono quelle del cantautore sempre maledetto ma avvolto da un’aura di maledizione legittima che abbraccia il riconoscimento internazionale, la carriera da solista professionista prendeva forma e quella voce inconfondibile era alla sua consacrazione definitiva.

Master Of Reality

I primi lavori dei Black Sabbath compiono mezzo secolo, ma quelle note, quei riff, quei testi, sono ancora un must assoluto di chi apprezza il metal, anzi la musica in generale.

“Closer”, l’eredità di Ian Curtis

Closer Curtis

Se vi siete ma chiesti come sia il suono della sofferenza, del dolore, dell’ignoto, dell’Apocalisse, probabilmente senza indugiare troppo, “Closer” rientra in una di queste categorie, se non tutte

“Fun House”: la casa dei divertimenti degli Stooges, una bomba atomica di angoscia e perdizione

Fun House Stooges

Malgrado il titolo non è che il disco fosse proprio una pacchia. Piuttosto, trasuda cattiveria, angoscia, lussuria e perdizione. L’urgenza di un “qui e ora” nietzschiano e disperatamente dionisiaco.

“White Blood Cells” dei White Stripes, gli ultimi prigionieri del rock’n’roll

white blood cells

Jack White infilava le proprie visioni nella storia del rock’n’roll per uscirne con disco che aveva persino una fisionomia di modernità .”White Blood Cells” arrivava dritto in faccia, concedeva la parola al passato e dava garanzie sul futuro.

“Farm”, un ritorno al passato nel secondo tempo della storia dei Dinosaur Jr.

Farm Dinosaur Jr.

“Farm” era un ritorno al passato, come al solito pieno di raptus elettrici, corde rotte, dita sanguinanti e ritornelli bulimici di struggenti melodie. I Dinosaur Jr. erano ancora la band che aveva stregato Henry Rollins e David Bowie. Tra i tanti.

“Surrender”, il sigillo definitivo dei The Chemical Brothers

Surrender Chemical Brothers

‘Surrender’ è un concentrato di tutto il percorso fatto dai due fino a quel momento: l’intenzione è però quella di fare un disco maggiormente imperniato sulla sperimentazione, con particolare attenzione al genere house.

Affinché tutto accada di nuovo: “Sulla linea d’orizzonte tra questa mia vita e quella di tutti” dei Raein compie 10 anni

Raein Sulla Linea

Penso che in pochi all’epoca se ne fossero accorti, anzi nessuno. “Sulla linea d’orizzonte tra questa mia vita e quella di tutti” non poteva essere il disco della rinascita, quanto piuttosto un colpo di coda, meraviglioso, deflagrante, coinvolgente, ma pur sempre un colpo di coda. D’altronde, come si poteva fare meglio di così?