Impatto Sonoro
Menu

Shame, di Steve McQueen


Scheda

Titolo Originale: Id.
Nazione: UK - 2011
Regia e soggetto: Steve McQueen
Sceneggiatura: Steve McQueen e Abi Morgan
Produzione: See-Saw Films, Film4
Distribuzione: Bim
Genere: Drammatico
Durata: 100’
Interpreti: Michal Fassbander, Carey Mulligan, James Badge Dale, Nicole Beharie
Nelle sale dal: 13/01/2012
Voto: 7.5

Brandon vive a New York e lavora per una grande multinazionale. Sembra una persona di successo e felice ma nasconde un segreto; ha sviluppato una seria dipendenza dal sesso che gli impedisce di avere una vita relazionale gratificante. Tutto pare comunque procedere normalmente sino a quando non arriva nella sua casa sua sorella Sissy desiderosa di ricevere ospitalità e aiuto.

Il film di McQueen esplora una condizione molto particolare dell’animo umano: la difficoltà di rendersi conto di quando un atteggiamento apparentemente visto come sano e normale, le abitudini sessuali, diventi una dipendenza impossibile da dominare e domare. Michal Fassbender proprio con l’aiuto del regista McQueen, qua insieme per la loro seconda prova dopo Hunger (id., 2008) riguardante il trattamento subito dai terroristi dell’Ira, riesce a descrivere perfettamente le inquietudini urbane di un solitario agente di borsa. Veloce a chiudere i contratti quanto inadatto ad avere una vita di coppia o affettiva. Fra spostamenti per mezzo della metro di New York, vero luogo di isolamento forzato e ravvicinato delle persone disperse nella grande città. Brandon si dimostra al tempo stesso altrettanto inadatto per domandare una qualunque forma di aiuto, pur essendo al tempo stesso sempre freddo,  impassibile e consapevole del suo problema, la dipendenza da sesso in ogni forma e grado, ma desideroso di rimanere comunque solo, capace nel mantenere a debita distanza anche sua sorella Sissy, carica di altrettanti problemi esattamente come lui e interpretata in maniera altrettanto efficace da Carey Mulligan, già vista lo scorso anno in Drive (id., 2011). Il tutto in un clima costituito da atmosfere cupe e metropolitane, con una luce perennemente filtrata oppure assente.

Se siete appassionati di storie riguardanti i rapporti umani, se così si possono definire, e la difficoltà nell’intrecciarli questo è il film che fa per voi.

a cura di Ciro Andreotti

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ay7V7BoO1Ao[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni Cinematografiche

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?