Menu

Recensioni

Fourire – Ridono Di Più

-

Ascolta

Acquista

Tracklist


Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Fourire suonano dell’ottimo post rock-noise con testi intimisti scritti in italiano. Il gruppo è composto da: Daniele e David Meriggi rispettivamente batteria e basso, Andrea Grazian chitarra, Marco Mattioli chitarra, Alessandro Spinelli effetti e organo, Luca Torelli voce e armonica. Il loro lavoro, Ridono Di Più, è composto di otto brani potenti e diretti: La Durezza Della Vita Amniotica, Spleen, L’Abbraccio, Così E’, Dr. Jagger, L’Amata, Un Giorno Di Festa, Ridono Di Più.
La Durezza Della Vita Amniotica apre il cd con una ritmica violenta e una voce rabbiosa che urla “Ventre di miele”. Le chitarre dalla distorsione acida sfumano sulla strofa in cui l’organo e il testo sintetico sono in primo piano sullo sfondo ritmico.
Spleen parte decisa con un riff insistente, spezzato dagli interventi di batteria che, insieme agli altri strumenti, sale in un crescendo noise che s’interrompe improvvisamente lasciando il posto a un incredibile armonia fatta di due chitarre che s’intrecciano. Il testo recita: “tremi/ so che fremi/ poiché l’ozio ha bei seni”. L’arrangiamento è fatto di parti svuotate e impennate potenti in cui il cantato si ritrasforma in un urlato (vicino al growling) che ricalca la ritmica. L’Abbraccio inizia come un pezzo grunge-noise che poi si rilassa nella strofa fatta di chitarre minimali e un tappeto di organo che sfociano in un melodia orecchiabile che è la caratteristica del brano. Il testo metaforico e vagamente malinconico arricchisce l’atmosfera richiamando immagini oniriche: “bacio le gambe alla vita/ o è lei che bacia me/ con l’ultimo sguardo che invoca l’abbraccio”.
Così E’ si avvicina all’indie con una voce che ripete ossessivamente il testo: “Se mi va io devo convincerti/ che consono un eroe”. Basso e batteria sostengono con potenza gli asciutti riff di chitarra e gli arpeggi delicati fatti su lunghe note d’organo.
Dr. Jagger è un brano descrivibile semplicemente con la parola: “rock”. Si distingue dalle tracce precedenti per il cantato a due voci e il lungo testo trasognante: “sul ciglio della strada sacche di penne a sfera/ convinti verso l’albero/ su non aver paura/ e se ti fidi io non ti ingannerò”.
L’Amata comincia in un’atmosfera noise che si ammorbidisce con la bella melodia vocale che sorregge parole carnali: “…tutto quel che ho/ s’insinua tra le regioni rosse del tuo corpo”. Notevole il ritornello rabbioso e gli arrangiamenti di organo e chitarra nelle strofe che con poche note danno calore al brano.
Un Giorno Di Festa ha una ritmica travolgente e un ottimo intervento di armonica che la caratterizza. Il testo torna ad essere ermetico e incisivo: “come un giorno di festa usa il semplice/ e nell’istinto il tuo complice”.
Il brano Ridono Di Più chiude ottimamente l’omonimo cd racchiudendo tutte le caratteristiche dei pezzi precedenti: ritmica eccezionale, arrangiamenti curatissimi, testo scritto col cut up che fa comparire immagini come diapositive nella mente, utilizzo sapientemente delicato di organo e armonica.
Il demo dei Fourire è fatto di canzoni che trasmettono passione, che scuotono e lasciano pensare. Ottimo disco, ma mi permetto di dire che il modo migliore di ascoltarli è live.

Tracklist
La Durezza Della Vita Amniotica
Spleen,
L’Abbraccio
Così E’
Dr. Jagger
L’Amata
Un Giorno Di Festa
Ridono Di Più

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close